Salve, sono Pierfrancesco Felici, dal 2005 Naturopata ad indirizzo psicosomatico con certificato F.a.c. conseguito nel 2009, Operatore Omeosinergetico e Docente di Kinesiologia Omeosinergetica presso l'Accademia Internazionale di Omeosinergia sita a Montegrotto Terme (Pd).
Da circa quindici anni mi occupo di Naturopatia, una serie di discipline Bio-naturali che attraverso molteplici metodiche favoriscono il mantenimento dello stato di benessere della persona, in base alle sue caratteristiche costituzionali. Nel 2003 incontro la medicina omeosinergetica del dr. Monsellato, e da un punto di vista personale e professionale, la mia Vita cambia. Inizio ad integrare ed a mettere in pratica sempre di più questa nuova visione della Vita e della persona, fino a diventare fin dall’inizio uno dei responsabili didattici che attualmente insegnano nell’ Accademia Internazionale di Omeosinergia®. Nel 2009 sono tra i primi in Italia ad acquisire la certificazione Fac, la certificazione effettuata da un ente terzo che attesta che una determinata persona, valutata da una terza parte indipendente, secondo regole prestabilite, possiede i requisiti necessari ad operare con competenza e professionalità in un determinato settore di attività. Nel tempo ho svolto la mia attività professionale e di divulgazione omeosinergetica in diverse città italiane, nelle quali ho sempre cercato di trasmettere ciò che per primo applico nella mia quotidianità, ovvero, la filosofia omeosinergetica ed attualmente il mio costante obbiettivo rimane proprio questo: aiutare le persone a prendere in mano la propria Vita!

A causa delle restrizioni dovute alla situazione attuale, sto continuando ad assistere le persone attraverso delle sedute on line nelle quali é possibile impare il metodo ed acquisirne tutti i benefici. Per ulteriori informazioni, questo é il mio telefono ed email: 3385446963 pierfrancescofelici@tiscali.it

IL TRAINER OMEOSINERGETICO - IL VANTAGGIO DELLE SEDUTE A DISTANZA

Tutto inizia con Il periodo di blocco che abbiamo vissuto ed il conseguente rifiuto di un esperienza vissuta nella limitazione e nella paura a vari livelli.
La cosa che però mi stava più a cuore era il pensiero verso le persone che stavo assistendo da tempo e che di punto in bianco non potevo più incontrare direttamente. Persone che per la maggior parte risiedono proprio in quelle zone che maggiormente sono state coinvolte da un esperienza che in quel momento vivevo come una calamità senza precedenti, dove per il solo fatto di manifestare una sintomatologia influenzale si veniva letteralmente “strappati” all’affetto ed al conforto dei propri cari, spesso senza più rivederli.
Cosa fare? Come poter continuare a sostenere loro ed altri come loro che da tempo avevano iniziato un percorso personale?
Dopo un primo momento di comprensibile smarrimento, ho quindi cercato di ricentrami sull’essenza della visione omeosinergetica e su quello che tante volte spiego nelle sedute; la capacità di cambiare il punto di vista, consapevole che tutte le esperienza possono essere vissute non solo come un problema, ma anche come un’ occasione, un’occasione per stimolare la nostra parte creativa e per rivalutare degli strumenti che spesso non consideriamo abbastanza, sperimentando quindi una diversa modalità di svolgere le sedute: a distanza.
Il pregiudizio ed i dubbi rispetto a questa novità sono stati inizialmente i mie fedeli compagni di viaggio ma nel giro di pochi giorni, grazie anche ad un adattamento degli strumenti operativi che di solito accompagnano il trainer omeosinergetico,(in particolare la respirazione omeosinergetica che è stata rivista e adattata per la nuova esigenza da colei che l’ha ideata, Giovanna Pantaleo), ho potuto toccare con mano tutto il potenziale che aveva in se questa diversa modalità di lavoro.
Intanto la facilità di arrivare ovunque (chi non ha un pc a casa o un cellulare che possa fungere da videochiamata?) e poi una maggiore attenzione della persona in quanto la seduta è svolta senza la frenesia dei pensieri che spesso accompagna la nostra giornata (farò in tempo a fare tutto? Preparare il pranzo e la cena, andare a prendere i bambini a scuola, ecc….) ma anche senza quelle limitazioni di natura fisica che spesso impediscono di poter uscire per recarsi ad una seduta (per esempio coloro che per muoversi hanno bisogno di un aiuto esterno. Inoltre le sedute possono essere registrate automaticamente dal trainer e inviate tramite email per essere ascoltate in anche in un secondo momento e questo per coloro che non sono pratici all’utilizzo di strumenti elettronici, non è un vantaggio da poco! In sintesi, alla luce di questa esperienza, si rafforza sempre più il concetto che non è importante l’esperienza in quanto tale, bensì………. come la si vive!

                                                                                                        Buona Vita 
                                                                                                Pierfrancesco Felici
                                                                                           Trainer Omeosinergetico 

Applicazione pratica del Test Kinesiologico ai nostri veri amici.. quelli a 4 zampe!

QUANDO L'INCONTRO TRA DUE ANIME VA OLTRE LA SPECIE....L' AMORE
PRENDE FORMA....CIAO LILLI (2018)

CONVEGNO DI OMEOSINERGIA 26 APRILE 2020

Le splendide serate ad Anzio

Un gruppo unito nella conoscenza di se stessi

Anzio il gruppo Omeosinergetico

Anzio (Rm)

Piano Lago (Cs)

A scuola con il gruppo russo

Il gruppo di Anzio (Rm)

Il Sana a Bologna

.

.